Notizie attuali - Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese

Menu
Menu
Vai ai contenuti

COACH BINELLA: "AVREMO UN GRANDISSIMO EQUILIBRIO"

Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese
Pubblicato da in News · 30 Settembre 2021
Tags: MensSanaBasketball


Con il coach della Mens Sana Pierfrancesco Binella analizziamo le varie squadre di questo campionato di C silver.
Cosa avremo di diverso dal campionato della passata stagione? Quali squadre sulla carta sono le più forti, quelle che aspirano alla promozione? Le outsider? I campi difficili dove vincere farà la differenza? Quali squadre lotteranno per la retrocessione?
Una sintetica analisi per conoscere ed orientarsi meglio nel campionato che la Mens Sana Basketball affronterà a partire da domenica 3 ottobre:

Coach Binella:
"Probabilmente quest'anno non avremo due squadre particolarmente forti come lo sono state Quarrata e Pisa nella passata stagione; squadre che sulla carta avevano una struttura superiore alla media, conclamatamente riconosciute quasi imbattibili. Non credo ci siano le condizioni per avere due "schiacciassassi" come sono state Pisa e Quarrata l'anno scorso.
Credo però che ci siano le condizioni per cui, certamente, tre o quattro squadre si riveleranno di buon livello.
Al di là degli infortuni credo che il Costone sia una squadra molto valida; mi risulterebbe che abbiano ripreso anche Ondo Mengue. Il Costone è una suadra completa, una struttura molto valida.
Credo che CMB Carrara, contro la quale debuttiamo noi domenica in campionato, è una squadra molto profonda, molto esperta, quindi qualitativamente valida. Lo è anche Fucecchio; sulla falsa riga dell'anno scorso avendo mantenuto tutti i punti di forza. In questo gruppo ci mettiamo anche noi, senza dubbio ci possiamo stare; non siamo la prima ma nel gruppo delle migliori 4 ci possiamo stare.

Poi ci sono delle squadre apparentemente meno quotate o meno considerate. Faccio un esempio: le squadre di Livorno, che non brillano in modo particolare di qualità e talento ma quando ci vai a giocare contro, soprattutto fuori casa (campi ostici), diventano impegnative. Poi teniamo presente che il mercato di Livorno è sempre foriero di perle importanti nell'ultimo minuto. Se questo accadesse, una suadra livornese potrebbe aggiungersi alle migliori dette sopra.

Questo è quanto deduciamo oggi, sulla carta, prima delle verifiche sul campo.
Secondo me, però, avremo un grandissimo, un grandissimo equilibrio. Per esempio Pontedera, squadra potenzialmente meno quotata, con un paio di validi esperti e giovani di buon livello provenienti da un settore giovanile sempre valido, sarà una avversaria difficile per tutte.
Biancorosso Empoli gestisce, possiamo dire, una doppia vita con giocatori del settore giovanile che vanno e vengono dall'altra in serie B; credo sia rimasta sostanzialmente lo stesso con Ghizzani ancora l'esperto in un gruppo di giovani.
La Laurenziana ha perso giocatori importanti ma li ha dignitosamente rimpiazzati quindi avremo una squadra potenzialmente pari o quasi a quella della passata stagione.
La stessa Audax Carrara, da dove viene il nostro Mencone e da alcuni considerata come probabile "fanalino di coda", ha oggi preso un super playmaker lituano proveniente da La Spezia (C gold), pagandolo saporitamente, ed ha in prova degli stranieri che potrebbero aggregarsi.      
Tirando le somme sarà un campionato dove partite facili non ne avremo.
Poi per noi, per la Mens Sana, basta il nome per creare stimoli particolari agli avversari e questo lo dobbiamo mettere in conto. Anche con la più debole delle livornesi, US Livorno, avremo ad attenderci un ambiente super-caricato, non facile".

ANNOTAZIONI SULLA MENS SANA ATTUALE
Chiediamo a coach Binella quali sono stati i principali problemi che ha dovuto affrontare e sta ancora affrontando nella Mens Sana attuale:
"Noi abbiamo fatto in questo pre-campionato molta sperimentazione. Io avevo bisogno di verificare molte cose dato che la situazioni di Iozzi è in divenire, non è chiara. Il ragazzo non si è operato perchè lo specialista a cui si è rivolto (quello che segue l'Empoli calcio) ha sconsigliato l'intervento. Attualmente ha ripreso ad allenarsi , lui lo fa con volontà e passione ma la sua situzione sarà da valutare nell'immediato futuro. Iozzi per noi è importante ed una sua mancanza (ecco il motivo principale delle sperimentazioni che ho dovuto fare) ci porterebbe a tornare sul mercato.
Secondo problema che ho dovuto affrontare è stato quello di togliere la "ruggine" a Bovo. Il giovane ha buone qualità ma la non confidenza con le partite, con il campo, ci ha impegnati in un lavoro in parte non previsto".    



Torna ai contenuti