Notizie attuali - Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese

Menu
Menu
Vai ai contenuti

LUCA BANCHI:"MONDIALI CON LA LETTONIA VITTORIA PIU' GRANDE CHE CON SIENA E MILANO"

Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese
Pubblicato da in Info · 7 Dicembre 2022
Tags: Nazionali


Grazie alla guida del coach italiano Luca Banchi la Lettonia baltica e cosmopolita sarà tra le 32 squadre che si schiereranno sui campi di Indonesia, Giappone e Filippine nella FIBA World Cup 2023. Sarà la prima volta per la Nazionale di un paese che ama come sport principale l'hockey su ghiaccio. Luca Banchi è stato intervistato dal sito greco gazzetta.gr, ecco alcune delle sue risposte.
Il valore speciale rispetto alle vittorie precedenti con Siena e Milano. “Penso che la qualificazione ai Mondiali sia la vittoria numero 1! Nei casi che hai citato, Siena e Armani Milano, la parte più difficile è stata quella di essere all'altezza delle previsioni e delle grandi aspettative. Quindi, in un certo senso, stavo lavorando a programmi vincenti in natura. La sfida più grande è stata mantenere Siena a questo livello. Così abbiamo vinto campionato e Coppa Italia anche se il budget era inferiore rispetto agli anni precedenti e 9 dei 12 giocatori della stagione precedente erano già partiti. A Milano lo scudetto è arrivato dopo 20 anni senza titolo. Il roster e il budget di Armani ci hanno messo in una posizione in cui non avevamo spazio per errori. Non c'era spazio per errori! Dovevo vincere e basta. In Lettonia, la missione è stata chiaramente più difficile poiché abbiamo preso la strada più lunga e  difficile. Siamo partiti da così in basso... Dalle prequalificazioni. Non c'era fiducia. Era una situazione completamente nuova per me. Nessuno ha scommesso su di noi. È stato probabilmente l'incarico più difficile della mia carriera e, allo stesso tempo, il traguardo più entusiasmante della mia carriera."

Progetto di rilancio
. "Quando ho accettato l'incarico, l'obiettivo che ci si era prefissati fin dall'inizio con la Federazione era quello di creare o meglio ricostruire qualcosa di bello. Dentro e fuori la Nazionale. Onestamente, è successo tutto così in fretta. Forse anche più veloce di quanto mi aspettassi! Credo che una spiegazione ci sia e riguardi il modo in cui abbiamo giocato, la risposta dei nostri tifosi e soprattutto il modo in cui i giocatori hanno mostrato la loro voglia di giocare in Nazionale. Quando ho parlato con le persone della Federazione, mi hanno spiegato che il grosso problema che hanno dovuto affrontare in passato era che i giocatori che hanno partecipato alle "finestre" sentivano di essere solo... un piano B. Sapevano che stavano arrivando d'inverno ma non avrebbero giocato d'estate. Quindi in totale ho utilizzato 37 giocatori! Questo è un numero enorme per un piccolo paese come la Lettonia. Il reclutamento si è diffuso ovunque. In Estonia, Lituania, NBA, Italia, Spagna e Grecia... In ogni caso, tutti i giocatori sono sulla stessa linea, seguono la stessa direzione e hanno la stessa "identità". Questo mi rende così orgoglioso! Adesso tutti i lettoni hanno la Nazionale come priorità.
Un coach caldo come il Mediterraneo. La prima volta che mi hanno contattato ero negli Stati Uniti, nella "bolla" della G League come assistente allenatore dei Long Island Nets (filiazione dei Brooklyn Nets). Il Segretario Generale della Federazione è stato il primo a parlarmi della prospettiva di rilevare la Nazionale. Era così strano! Mi hanno spiegato fin dal primo momento: "Senti Luca... Siamo nella posizione più difficile della nostra storia. C'è una frustrazione enorme. Siamo arrivati ​​alla fine... Abbiamo deciso che è ora di cambiare filosofia, forse a qualcuno questa scelta non piace, ma non andremo più con gli allenatori lettoni. Vogliamo un allenatore del Mediterraneo. Un uomo che saprà comandare il programma e, allo stesso tempo, dare slancio con il suo entusiasmo e il suo spirito. Questo può essere fatto solo con un allenatore di un paese del Mediterraneo". Mi hanno anche fatto notare che la loro lista era limitata a potenziali allenatori provenienti da Italia, Spagna e Grecia. Il requisito per il nuovo allenatore era quello di adattarsi alla comunità, la visione, la mentalità e il modo in cui i lettoni si avvicinano al basket."
Il posto del basket in Lettonia. "Un grande sforzo è stato fatto da tutti. Vogliono investire nel basket anche se non è il primo sport nelle loro preferenze. Quando gioca la Nazionale di Hockey, nel Paese tutto si ferma. Non vedi nessuno per strada. Tuttavia, l'hockey su ghiaccio è un piccolo "cerchio". Ogni anno la Lettonia partecipa a un torneo. Che si tratti delle Olimpiadi invernali, della Coppa del mondo o dei Campionati europei, i lettoni ci sono. Ogni anno. Non sono coinvolti paesi dell'Asia, del Sud America o dell'Australia, quindi il cerchio è molto limitato. Ora, per quanto riguarda il basket, è pazzesco. Raggiungere qualcosa nel basket in un piccolo paese di due milioni di abitanti è come una missione impossibile! La squadra nazionale di basket è attraente per i fan. L'ho spiegato dal primo momento al popolo della Federazione. Il mio compito è ottenere il più possibile. Perché voglio davvero aiutarli! Per potenziare il programma, per potenziare il basket in tutto il paese! In effetti, abbiamo già fantastici ambasciatori come Kristaps (Porzingis), Bertans, e Strelnieks. Possono aiutare a diffondere la popolarità del basket. Quello che manca è un grande successo con la Nazionale. Questo è esattamente quello che vogliono i fan. Vogliono davvero vedere qualcosa di grande, uno sforzo collettivo e un grande risultato grazie ai successi individuali".
Rompere gli schemi. "Essere eliminati dall'EuroBasket è stato uno dei pilastri su cui poggiava il nostro programma. Abbiamo parlato apertamente con il popolo della Federazione. Siamo stati onesti nelle nostre discussioni. È meglio parlare onestamente. Abbiamo deluso i nostri fan. Abbiamo deluso le nostre famiglie e noi stessi. Uso il primo plurale perché mi sento parte di questa situazione... Quindi mi sento come se avessimo deluso le persone. Così abbiamo avuto la possibilità di riscattarci qualificandoci ai Mondiali. Quindi puoi dire che questo è il nostro Redeem Team! Di sicuro! La cosa più importante di tutte è il senso di responsabilità che tutti ora hanno. Non dimentichiamo che si tratta di 37 giocatori che hanno giocato con me in Nazionale tra "finestre", amichevoli e gare ufficiali. Tutti si sentono allo stesso modo. La cosa buona è che sono venuto in Lettonia senza pregiudizi. Non ho lasciato che gli incidenti passati incasinassero la mia mente, il mio approccio e le mie scelte. E questo è qualcosa che i lettoni hanno apprezzato. Ma soprattutto, sono qui per rompere gli stereotipi. Ho detto loro dall'inizio: "Ragazzi, tutti pensano che siate morbidi! Che i lettoni non possono giocare duro, che non possono difendere, che non possono giocare ai massimi livelli del basket europeo". Stiamo per rompere gli stereotipi. E penso che stiamo andando bene."
Nazionale tra valore patriottico e mercato ristretto. "La Lettonia ha conquistato la sua indipendenza tre decenni fa. Questa generazione di giocatori è nata pochi anni dopo l'indipendenza. Non voglio essere coinvolto nella politica, ma posso dire con certezza che un lettone che gioca per la nazionale del suo paese d'origine è qualcosa di veramente speciale. Non dimentichiamo che i grandi lettoni del passato come Valdis Valters e Maigonis Valdmanis hanno giocato per l'Unione Sovietica e non per la Lettonia. Quindi è un enorme privilegio per i miei giocatori giocare per questa bandiera. Dopotutto, la maggior parte di loro compete come professionisti all'estero. La squadra più numerosa del paese, il VEF Riga, non è abbastanza forte per trattenere i migliori lettoni del paese. Non può pagare stipendi "pazzi". I giocatori lettoni possono guadagnare più soldi all'estero, avere una carriera più lunga e fare grandi cose, ma d'altra parte non vedono i loro connazionali sugli spalti. Ad esempio, i genitori possono vederli di persona solo quando giocano con la Nazionale. La maggior parte se ne va a 14, 15 o 16 anni, in Spagna o in Italia e perde la propria cultura. Rolands Smits è partito presto per la Spagna, Porzingis lo stesso, Arturs Strautins è andato in Italia. Per i nazionali, la Nazionale è una buona opportunità per giocare per il proprio paese, per i propri amici e parenti".




Torna ai contenuti