ADDIO CAV. MARIO BRUTTINI, UN GRANDE PRESIDENTE DELLA MENS SANA
FIGLIO DEL POPOLO DI SAN MARCO


Bruttini Mario
E' scomparso all'età di 87 anni il popolare imprenditore Mario Bruttini, ufficiale d' ordine al merito della Repubblica Italiana.
Bruttini ha rappresentato e scritto la storia del dopoguerra senese, un protagonista sin dagli anni '60 della vita cittadina. Persona affabile, una grande cultura legata ad un carattere forte ma mite ed umile, persona generosissima, era stimatissimo da tutti, un signore di quelli che non esistono più.
In estate si poteva trovare spesso a Castiglione della Pescaia, al Bagno Nettuno, dove amava intrattenersi con gli amici a parlare di Palio e di basket. Il Bagno Nettuno, luogo d' incontro e di partite a carte di una generazione, dal "Donde" in poi.
Il Cavaliere era un figlio del popolo e della contrada; iniziò a lavorare negli anni '50 in una polleria al Cane e Gatto, poi inizia a commerciare carni e poi legname. Nel 1961 acquistò la Comolas, azienda locale di lavorazione del legno nata nel 1929, portandola ad una crescita esponenziale importante.
Il suo nome resterà per sempre legato al basket mensanino di cui è stato presidente dal 1970 al 1978, gli anni della grande consacrazione del basket. In modo particolare l' anno 1972-73 quando la formazione biancoverde che minitava in serie B riusci a conquistare la serie A nella gara decisiva della poule promozione contro la Brina Rieti, disputato in un Dodecaedro stracolmo. Fu lui ha dare l' impulso nella costruzione del Palasport di viale Sclavo e in serie A, la Mens Sana di Bruttini con le canotte verdi e l' indimenticabile sponsor Sapori, lottò con le grandi centrando il traguardo della poule scudetto.
Il Cavalier Mario, da vero senese, dedicò anche molto del suo tempo alla Contrada, la Chiocciola, di cui fu capitano vittorioso nell' agosto del 1962 con Danubio e fantino Peppinello, nell' agosto di due anni dopo con Beatrice e Canapetta e con lo stesso fantino, che dalla rivale Tartuca riuscì a portare in San Marco, fece il bis nel 1968.

* dalla cronaca locale del "Corriere di Siena" del 22 settembre 2014


Bookmark and Share