Coach Cardaioli ricorda gli anni in B dal 1986 al 1990 - Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Coach Cardaioli ricorda gli anni in B dal 1986 al 1990

Siena, 14 giugno  2009
Fonte:  -Dal basket minore alla serie A andata e ritorno

Bookmark and Share
 


Il "Carda", uno degli storici allenatori di scuola senese (con il prof. Casini e Simone Pianigiani), degli anni passati in serie B (dal 1986 al 1990) ci racconta:

"Quando finì, dopo quattro anni, la mia avventura il terra romagnola con la JollyColombani Forlì, ebbi due proposte: Perugia e Siena, entrambe in serie B1. Scelsi di ritornare nella mia città che proprio in quell' anno aveva lasciato la massima serie, era stata retrocessa.  

  • Alla Mens Sana abbinata Mister Day trovai una dirigenza un pò particolare, composta all' inizio dai signori Parri, Ciupi e Rossi; non capii bene allora e neanche ora ho le idee chiare, su chi fosse il comandante del vapore. Una cosa però la capii subito: nessuno dei tre aveva una normale cultura sportiva generale e di basket in particolare. Si muovevano nel mondo dell' edilizia e credo siano stati messi al timone della vecchia Mens Sana dalle cosiddette istituzioni cittadine. Fu dura per me perchè si parlavano lingue troppo diverse.

  • Sia nel primo che nel secondo anno lottammo sempre per le prime posizioni con squadre pultroppo non molto omogenee in cui però c' erano dei buoni giocatori vedi Carraro, Guerrini, Cocchia, Neri, Prosperi, Valente al primo anno e Moretti, Visigalli, Cocchia, Carraro e Dolfi al secondo.

Purtroppo non riuscimmo in entrambi i campionati a centrare la promozione. Personalmente mi rimprovero di non aver capito nel primo anno un vero campione, Paolino Moretti, che nonostante i suoi sedici anni era già in grado di fare la differenza. Invece cercai l' esperto Brambilla da Arese, che in tutto il campionato fece solo due o tre buone partite.

  • Nel secondo anno mi fece gola il nome di tale Tombolato, pivot di 2,05 che per lo più aveva giocato in Brianza (Cantù) ed aveva anche indossato qualche volta la maglia azzurra. Tombolato è stato una delle più grandi delusioni della mia carriera cestistica: era sì alla frutta, ma se ne approfittò oltre modo.


Lorenzo Carraro #8 in canotta Mister Day Mens Sana



Tombolato a Cantù con la maglia  #16 al centro (quinto da sinistra a partire dal giovane Charly Recalcati)


  • La squadra che mi accinsi ad allenare per il terzo anno in B nel 1988/89 era abbinata Conad ed era composta da otto giocatori veramente validi: della squadra dell' anno prima rimasero solamente Visigalli e Carraro più due giovani virgulti, Chiusolo e Serravalle. Entrarono nel roster del terzo campionato Pastori e Battisti, due bravi lunghi di provata esperienza. Guerrini proveniente dal nostro vivaio ma con un anno di esperienza all' Affrico Firenze, il play Lasi che io avevo avuto a Forlì, la vecchia conoscenza Giroldi da Livorno e Gugu Dordei, un semilungo estroso dotato di grande elevazione ma con un carattere un pò "particolare". Il richiestissimo Paolino Moretti andò a Verona alla corte di Bucci.

  • Voglio puntualizzare che questa squadra studiata e voluta dal sottoscritto, traghettò in pratica la Mens Sana dalla serie B alla A1, con l' innesto di due bravi americani (Alexis e Lampley).

Per quanto mi riguarda devo dire che io feci questa squadra, ci feci una buona preparazione ma alla settima giornata di campionato,  alla terza sconfitta, fui esonerato.
La dirigenza secondo me non tenne in giusta considerazione che avevo perso a Roseto e a Imola di pochissimi punti (due campi notoriamente difficili) e in casa 82-79 contro Trieste di Tanjevic che poi vinse il campionato riportando i giuliani in A2 e l' anno dopo in A1.
La squadra dopo il mio esonero fu affidata a Giorgio Brenci che fece un buon campionato meritandosi di incontrare nei playoff il Sassari allenato da Mario De Sisti. Purtroppo fu il Sassari a spuntarla avendo il fattore campo a proprio favore".

ANNOTAZIONI

  • La serie Playoff contro Sassari si chiuse 2-1: (73-57 / 69-80 / 86-75)

  • Lorenzo Carraro (6.934 punti in serie A) punto di forza della Mens Sana in quegli anni,

     fu il capocannoniere di B nella stagione 1987/88 con 22,6 punti media gara.

  • Lorenzo Carraro nella 3^giornata del campionato 1987/88 realizzò 43 punti (Varese-Mens Sana 86-82)

  • Nella stagione 1988/89 la Mens Sana realizzò il MAX punti fatti in serie B contro la Delizia Campobasso

     a Siena 104-92; a Campobasso 72-100
Clicca qui per vedere le classifiche di queste stagioni in serie B

FOTO SOTTO: 1998/90 - Gara3 fra Mens Sana - Imola con il ritorno in serie A2
  

 
 

FOTO:
Diego Pastori
nella Ticino Mens Sana della promozione

Torna ai contenuti | Torna al menu