Quando la Mens Sana andava in onda su Telepiù - Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quando la Mens Sana andava in onda su Telepiù

Foto-Video > Videoframmenti

Siena, stagioni 1992
Fonte :  Matteo Tasso

Bookmark and Share

Immagini dall’inizio degli Anni Novanta per la prima puntata del mese di aprile di “Videoframmenti Biancoverdi”. Dall’archivio di Matteo Tasso abbiamo ripescato il servizio mandato in onda da Telepiù 2 sulla partita Ticino Siena-Stefanel Trieste, giocatasi in viale Sclavo sabato 7 dicembre 1992 e vinta dalla Mens Sana per 79-72. Realizzato da Luca Corsolini, firma (e voce) storica del basket italiano, e inserito all’interno della trasmissione “Assist” (che andava in onda il lunedì su quello che fu il primo canale televisivo italiano interamente dedicato allo sport), il servizio è una testimonianza di assoluto livello, vista anche l’ottima qualità delle immagini, relativamente a quanto accaduto al palasport in quel pomeriggio di ventitre anni fa, oltretutto arricchita dalle interviste che lo stesso Corsolini realizzò con tre degli attori protagonisti sul parquet: prima George Bucci, che ormai quasi quarantenne era tornato a Siena per chiudere una carriera italiana indissolubilmente legata alle vicende della Mens Sana (“Ercolino” era arrivato nel 1976 ed aveva fatto innamorare, follemente, un’intera città del suo basket fatto di canestri spettacolari e atletismo mai visti prima), poi il mito Dino Meneghin, infine Frank Kornet, meteora statunitense che in biancoverde trascorse appena quattro mesi (fu tagliato a favore prima di Jenkins e poi di Bob Thornton) lasciando più dubbi che rimpianti sul proprio conto.


UN PO’ DI STORIA
Giocatasi al sabato pomeriggio per esigenze televisive (in quegli anni la Rai trasmetteva in diretta il secondo tempo di un anticipo della massima serie), la partita contro la Stefanel Trieste fu una delle migliori recite stagionali della neopromossa formazione senese allenata da “Dado” Lombardi. Reduce dalla durissima lezione (106-63) subita dalla Virtus di Ettore Messina, la Ticino scaricò nei primi 20’ tutta la rabbia accumulata nel ritorno da Bologna: chiusi a riccio in difesa, con Lemone Lampley ad alzare disco rosso  a chiunque si avvicinasse sotto canestro (4 stoppate, oltre a 19 punti e 13 rimbalzi per il lungo statunitense), i biancoverdi presero il largo (37-18 all’intervallo) grazie alle accelerazioni di Stefano Vidili e ad una prestazione maiuscola del discusso Frank Kornet, che con 28 punti messi a segno allontanò (in verità solo di qualche settimana) le intenzioni del club di tagliarlo a favore di un centro di ruolo. Nella ripresa i padroni di casa gestirono il vantaggio nonostante una striscia di canestri pesanti da parte del futuro mensanino Larry Middleton (27 e cinque triple), unico a salvarsi nella debacle del quintetto allenato da Bogdan Tanjevic. A dispetto di un risultato incanalatosi sin dalle battute iniziali, il clima in campo fu reso rovente dall’infortunio di Letterio Visigalli (frattura del setto nasale dopo un “incontro ravvicinato” con il gomito sinistro di Dino Meneghin) e dalla rissa avvenuta ad una manciata di secondi dalla fine fra Kornet ed un altro giocatore che sarebbe poi passato da Siena, Sylvester Gray: a sanzionarli entrambi di espulsione, un giovane Fabio Facchini, futuro arbitro internazionale di altissimo livello.
MATTEO TASSO

 
Torna ai contenuti | Torna al menu