Cronache Costone Siena - Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cronache Costone Siena

Cronache
 
 
 
Bookmark and Share

05/11/17 - PER LA VISMEDERI COSTONE PRIMO STOP INTERNO (68-71)
Parziali: 15-23, 31-40, 58-54

VISMEDERI COSTONE SIENA: Benincasa 27, Bruttini 24, Tognazzi 11, Chiti 4, Manetti 2, Cessel, Bonelli, Ricci, Catoni, Mini, Nepi ne, Marraffa ne. All. Binella
OTI GALLI: Neri 4, Capponi 2, Cappanni 5, Dolfi 23, Mascherini 23, Malacario 8, Barbieri 2, Baglioni 2, Baldi 2, Falcioni ne, Gueye ne, Merico ne. All. Baggiani
ARBITRI: Melai e Panicucci

La Vismederi cade in casa per la prima volta in questa stagione, soffrendo la partenza accelerata dell’Oti Galli ( (7-18 al 6’). Ci vorranno 20’ ai gialloverdi per prendere le dovute misure a una squadra che anche sotto canestro appare ben strutturata. Cessel, primo cambio dei lunghi per Binella, riesce a contenere Cappanni, contribuendo alla causa rimbalzi (terminerà con 9 di valutazione, 15’ in campo, 5 rimbalzi, 4 recuperi e una stoppata, come inizio può andare). Il contropiede è l’arma migliore per gli uomini di Baggiani che all’intervallo sono avanti di 9 lunghezze.
Benincasa (32 di valutazione) diventa mattatore sia da fuori che con le sue penetrazioni, mentre Bruttini (22 di valutazione) innesca una serie di canestri che contribuiscono a un parziale mozzafiato (19-1). Da qui il primo vantaggio di marca gialloverde (47-45 al 25’) che diventa un 54-47 al 27’.
L’Oti sembra alle corde,  ma Dolfi e Mascherini non mollano e si rifanno sotto trovando al 35’ il controsorpasso.
La gara da questo momento è un vero e proprio stillicidio: Chiti trova da sotto 2 canestri importanti, mentre non esplodono le 4 bombe scagliate da Bonelli. E’ di Mascherini la tripla che fa male a 2’ dal termine (64-67), ma Bruttini e Benincasa trovano ancora due guizzi che riportano la Vismederi avanti di 1 (68-67 a 1’ e 05” dal termine. Purtroppo l’antisportivo fischiato a Benincasa a 40” dalla sirena è letale (68-69), poi Malacario dalla lunetta mette fine alla contesa.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu