Sherron Mills vola sopra la Benetton - Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Sherron Mills vola sopra la Benetton

Foto-Video > Videoframmenti

Siena, stagione 1996
Fonte : articolo da oksiena.it / di Matteo Tasso

Bookmark and Share

Stroncato da un male subdolo e al tempo stesso inesorabile, Sherron Mills cessava di vivere non avendo ancora compiuto 45 anni. Allo sfortunato cestista statunitense, che ha vestito la maglia della Mens Sana nella stagione 1995/1996, è dedicata questa pagina di “Videoframmenti Biancoverdi”, la rubrica curata da Matteo Tasso attraverso la quale si ripercorrono gli anni Novanta (e non solo) della storia di viale Sclavo con filmati sostanzialmente inediti per il mondo del web e dei social networks.
La clip riguarda la partita fra Cx Orologi Siena e Benetton Treviso, probabilmente una delle migliori uscite in maglia biancoverde del giocatore statunitense, ottava giornata di andata vinta 93-87 dai biancoverdi grazie ad una maiuscola prestazione di Mills, autore di 27 punti e uscito vincitore dal duello con la stella slava Zeljko Rebraca.

UN PO’ DI STORIA
Sherron Mills era arrivato a Siena nell’estate del 1995 per sostituire, al fianco del confermato John Turner, quel Dallas Comegys che aveva preso la strada di Istanbul, sponda Fenerbahce. Reduce da una discreta stagione in Francia (a Gravelines), ma di carattere silenzioso e schivo, Mills faticò non poco ad inserirsi in una squadra che gli chiedeva di essere protagonista nel ben più accreditato torneo italiano: una preseason deludente ed un avvio di campionato poco incisivo sembravano fare da preludio ad una sua veloce uscita dal contratto con viale Sclavo, poi nel corso dell’autunno l’ala-forte uscita da Virginia Commonwealth cambiò i connotati alla propria esperienza senese, mettendo al servizio della Cx Orologi tutta la propria leadership offensiva fatta di giocate in avvicinamento a canestro (disponeva, però, pure di una mano morbidissima dai cinque metri), sopperendo in difesa con la propria verticalità (gran saltatore, rimbalzista e stoppatore) ad una struttura fisica longilinea che gli rendeva difficile prendere posizione sui pari ruolo e sui centri avversari. Col passare delle settimane, e delle partite, Mills divenne uno dei protagonisti del campionato di A1, conducendo la Mens Sana ad una tranquilla permanenza in categoria e togliendosi lo sfizio di regalare più di un successo di prestigio alla squadra allenata da Cesare Pancotto. Nell’estate successiva, anche per lui, suonarono irresistibili le sirene della lega turca: si accasò al Galatasaray, poi in Spagna a Manresa ed al Tau, trampolino di lancio dal quale non riuscì a spiccare il volo a causa di un grave infortunio (frattura di tibia e perone, giocando una partitella fra amici in un periodo di vacanza negli States) che ne chiuse anticipatamente la carriera.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu