Il sabato di gloria di Mauro Sartori - Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il sabato di gloria di Mauro Sartori

Foto-Video > Videoframmenti

Siena, stagione 1993
Fonte : articolo da oksiena.it / di Matteo Tasso

Bookmark and Share

Nella sesta puntata di “Videoframmenti Biancoverdi”, la rubrica di OkSiena curata da Matteo Tasso e riguardante la storia mensanina degli anni Novanta (con una serie, inedita, di filmati dell'epoca) i riflettori sono puntati sul campionato di serie A2 1993/1994.

All’altezza della nona giornata di andata (27 novembre 1993), l’allora Olitalia vinse per 84-89 sul campo del Banco Sardegna Sassari una partita rimasta celebre per la fenomenale prestazione di Mauro Sartori. Le immagini del match, che fu trasmesso integralmente in diretta al sabato pomeriggio (!) da Raiuno con il commento di Gianni Decleva (storica voce del basket sulla Rai negli anni Ottanta e Novanta), testimoniano la giornata di grazia del numero 11 in maglia verde: per lui 32 punti con 7 su 11 dalla lunga distanza, propiziando l’allungo mensanino nella prima frazione e rintuzzando il rientro in partita nel finale dei padroni di casa, trovatisi in vantaggio (51-50) a metà ripresa e comunque rimasti in scia (80-83) fino alle battute conclusive.

Sartori fu l’mvp di una partita nella quale Daye si ritrovò a giocare menomato per un colpo fortuito, patito dopo appena 1’, e gli equilibri della squadra allenata da Pancotto si spostarono in altre zone del parquet, con Vidili (18 punti) e Bob Thornton (16) in grado di tenere alta l’intensità dell’Olitalia. Fra i sardi, allenati da Markovski, migliore in campo fu Casarin (25), oggi presidente di quella Reyer Venezia per la quale, curiosamente, Sartori svolge il ruolo dirigenziale di team manager.

UN PO’ DI STORIA
Nato a Conegliano Veneto nel 1970, Mauro Sartori era arrivato a Siena nell’estate del 1993 dopo le esperienze con le maglie di Trieste e Desio. Una meccanica di tiro da fuori non bellissima a vedersi, ma di sicuro efficace, ne caratterizzò il triennio in biancoverde, segnato principalmente dalla promozione in A1 del maggio 1994 (nei due campionati a seguire si ritagliò comunque uno spazio da specialista, partendo dalla panchina) e, sul piano statistico, da 93 presenze e 917 punti realizzati.

Dopo Siena, Sartori emigrò in Germania all’Oberelchingen (squadra che, curiosamente, la Mens Sana affrontò in Coppa Korac nella stagione 1996/1997), rientrando nella lega italiana nel 1999, a Udine. Verona, Roseto, Reggio Emilia, Rieti, Teramo, Venezia e Ruvo di Puglia le altre tappe della sua carriera di cestista, chiusa la quale ha intrapreso un percorso dirigenziale che, prima dell’attuale esperienza veneziana, gli ha permesso di lavorare anche con Trieste e Treviso.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu