Gli anni '50 e la prima tessera - Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gli anni '50 e la prima tessera

Ricordi > Ricordi Virtus
 
Bookmark and Share

VIRTUS SIENA - L'INIZIO

Parlare degli inizi della Virtus vuol dire parlare del prof. Perucatti, da alcuni conosciuto come "il professore" e da altri più semplicemente come "il pretino".
Don Perucatti: 40 anni di insegnamento, 30 anni di Virtus, 25 anni di campeggio; totale 96 anni!...
Cosi nelle "Memorie Virtus riassunse la sua vita.

foto a lato: Don Perucatti e la squdra senior fine anni '50

 ANNO 1950 - NASCE LA VIRTUS88
Come è nata la Virtus dalle parole di Don Perucatti:
"A Siena c'erano già, nel 1950, validissiime società con valide tradizioni. Noi abbiamo rivolto l'appello a ragazzi che per soprannumero non trovavano inserimento negli esistenti gruppi. Se si apre lo schedario Virtus (1950-1980) si trovano oltre 1.000 cartellini, foto ecc.  un bel  lavoro ..."


Nell'immagine a lato un documento storico: il cartellino di Campanini Romano, il primo atleta tesserato Virtus.

Continua il prof. Perucatti:
" Scelsi la pallacanestro come sport principale della nostra attività perchè il basket è uno sport completo, piacevole e molto seguito e perchè .... cominciai a praticarlo nel 1924."

Nel 1950 nacque la Virtus; il "professore" inizia a forgiare i giocatori sul polveroso campo dell' Oratorio in via del Sole e poi sul campo in asfalto di via Follonica.
Campionati giovanili per i primi tre anni: una squadra di "Allievi" sul campo dell'Oratorio in via del Sole e nel 1953, dopo l'allestimento del campo da gioco con fondo in asfalto in via Follonica (nel centro della città), campionato regionale Juniores.


Nel 1954 prese parte alla Prima Divisione ottenendo la promozione in serie C. Dopo questa promozione in serie C, a metà anni '50,  la scalata in serie B.


Nell' immagine sopra la prima squadra della Virtus.
da sinistra: Montermini, Bechelli, Campanini R., Bartali, Bigi, Leoncini, Mulinacci, Marchetti, Muzzi.

Tanti i nomi e gli episodi che caratterizzarono quegli anni ma su tutti merita una manzione particolare Gorgio Mulinacci quale splendido esempio di doti atletiche ed etecniche.
Il periodo del "campino" si chiude mestamente con una retrocessione, ma alla negatività del fatto sportivo fa da contraltare un evento eccezionale: il prof. Perucatti, sempre lui, tira fuori dal suo magico cilindro il Palazzetto !!


Nelle foto:
a sinistra il "campino" di via Follonica
sotto a sinistra il capitano Giorgio Mulinacci
sotto a destra il palazzetto Virtus in costruzione.





  Basketsiena.it





Torna ai contenuti | Torna al menu