D'Ambrogio, massaggiatore fatto in casa - Basketsiena.it - Il portale del basket mensanino e senese

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

D'Ambrogio, massaggiatore fatto in casa

 
 
 
Bookmark and Share

Siena 18 luglio 2013 h. 22:30
Fonte: Basketsiena.it
Nella FOTO:  
Angelo A'Ambrogio (primo a sinistra)
con Bosio e Alvaro Fanetti


"Dopo 16 giorni di lotta furiosa Angelo ha perso hai tempi supplementari la partita. God bless Angelo"
Questo il mesaggio che il figlio Paolo inserisce su Facebook all'indomani della morte di Angelo D'Ambrogio, l' indimenticabile massaggiatore della Mens Sana dagli anni '70 '80 e gran parte dei '90.

Una vita in biancoverde divisa con Alvaro Fanetti, l'altro massaggiatore della Mens Sana di quegli anni. Una attività fatta principalmente per passione, un dopo lavoro che lo vedeva spesse volte ritornare dalle trasferte la mattina alle 4/5/6 e poi entrare al Santa Maria, ospedale dove lavorava, subito dopo.
Sotto lo ricordiano con una scheda delle tappe della sua vita:

ANGELO D'AMBROGIO
- Nasce a Roma il 30 luglio del 1926
- Arriva a Siena nel 1943 a seguito del trasferimento di suo padre maresciallo dei bersaglieri; risiederà in via del Capitano.
- Nel 1947 conosce e si fidanza con Leana Bigliazzi poi sua moglie.
- Il 20 aprile del 1948 fa parte della staffetta che porta la fiaccola Olimpica. Il suo percorso è da Bari a Santa Fina.
- Nel 1954 entra infermiere alla  clinica ospedaliera; successivamente passa impiegato all'accettazione
- Nel 1955 si sposa con Leana nella chiesa di San Cristoforo (piazza Tolomei)

- Nel 1960 la gioia per la nascita del figlio Paolo.
- Nel 1970 inizia a fare il massaggiatore alla Virtus Siena di Don Perucatti.
- Nel 1972 il "Donde", Alberto Corradeschi, lo porta alla Mens Sana come massaggiatore. Vive la gioia della prima promozione in serie A con coach Enzo Cardaioli, il ritorno con "Dado Lombardi" e le prime esperienze di Ferdinando Minucci come   general menager. Termina nel 1996 dopo 24 anni in biancoverde.
- Colpito dal morbo di Parkinson perde progressivamente autonomia. Segue sempre la Mens Sana alla TV e vede l'unica ed ultima partita nella stagione 2012/13  al palazzetto contro Pesaro . Nel finale rocambolesco di quella gara in cui la Mens Sana sembrava potesse perdere, Angelo disse: "se deve essere la mia presenza a porta' male ..... l'ascolto alla radio !!" . L'ultimo scudetto se lo è visto con trepidazione tutto alla televisione .... il 2 luglio ulteriori problemi di salute ......  è l' inizio del suo ultimo viaggio in trasferta.


Nel FOTO SOPRA Angelo in occasione della vittoria del 3° scudotto con vecchi fedelissimi
Nel VIDEO in ricordo di Pino Brimatti a lato: Angelo D'Ambrogio fa da "cicerone" nello spogliatoio della Mens Sana nella parte conclusiva del video


Torna ai contenuti | Torna al menu